Antonio Letizia il migliore in campo dei granata

POZZUOLI – Un punto guadagnato o due punti persi? È il classico dilemma che ci si pone quando si tirano le somme di una partita come Puteolana – Francavilla. Al Conte finisce 1 – 1, partita decisa da due calci di rigore sanzionati nella prima frazione di gara. Una partita non bellissima ma non povera di emozioni.

LA GARA – Pronti via ed ecco il primo episodio che condizionerà la gara: l’arbitro Montanari di Ancona inventa un calcio di rigore per gli ospiti, sanzionando un mani di Luongo in area su un rimpallo: il difensore granata distava dall’avversario meno di un metro ed aveva le mani attaccate al corpo. Sul dischetto va l’ex Del Prete che conclude centralmente, Alcolino tocca ma non riesce a respingere, 0 – 1. La Puteolana è scossa e tarda a reagire e 20′ dopo un’altra mazzata si abbatte sui granata: dopo un normale fallo di gioco Errico ha un faccia a faccia con l’avversario, l’assistente vede un pugno (che nessuno ha visto) e chiama l’arbitro che no può non espellere il numero tre puteolano. Da qui in poi la Puteolana inizia a macinare gioco, l’ingresso dell’esordiente Sabia al posto di Mauro riequilibra la squadra dopo l’espulsione e iniziano ad arrivare le prime conclusioni verso la porta di Annunziata. Al 38′ da un cross dalla sinistra nasce il rigore per i padroni di casa, netto quanto goffo il mani del difensore lucano, sul dischetto va Letizia che realizza con un potente destro alla sinistra dell’estremo ospite.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa ci si aspetta che i padroni di casa, in inferiorità numerica, difendano il punto e gli ospiti invece attacchino in cerca della vittoria. Invece l’inferiorità numerica pare non esserci i granata prendono costantemente il pallino del gioco in mano e sfiorano più di una volta il vantaggio. Letizia sale in cattedra ed è sua la prima occasione, il 10 puteolano sfrutta una mezza indecisione della difesa lucana, entre in area e salta due avversario il tiro però è deviato in angolo. Sorrentino decide di mettere in campo Murolo per Riccio e Amato per Perillo, Letizia mette due volte Murolo davanti il portiere ma una volta il giovane attaccante granata si fa anticipare e l’altra invece si fa neutralizzare l’occasione da Annunziata. Pochi minuti dopo Letizia sceglie Amato come destinatario di un assiste delizioso ma l’esterno granata cincischia e spreca.

IL BILANCIO – Alla luce del rigore al freddo e dell’inferiorità numerica patita per oltre un’ora di gioco il punto di oggi può considerarsi oro, ma riavvolgendo il nastro della partita si vede che il Francavilla non ha avuto alcuna occasione, mentre nonostante l’inferiorità i padroni di casa hanno avuto almeno 4 limpide palle gol nella ripresa. Più due punti persi che uno guadagnato quindi La Puteolana è una squadra viva, che paga lo scotto della giovane età, con il passare delle giornate e con l’esperienza che crescerà gli uomini di Sorrentino potranno davvero fare bene.

IL MIGLIORE – Tony Letizia, il 10 di Scampia, rigore a parte, ha dispensato specialmente nella ripresa giocate a raffica, peccato che i destinatari delle sue invenzioni non siano riusciti a sfruttare le occasioni create.

ANGELO GRECO