Buona presenza di pubblico oggi al Conte

POZZUOLI – Un derby non spettacolare giocato su un campo ben oltre i limiti della decenza tra due squadre agguerrite e vogliose di fare bene. Da un lato l’Ischia che voleva confermare la sua leadership nel girone dall’altro i padroni di casa della Puteolana vogliosi di portare a casa punti pesanti per la lotta salvezza. A vincere la squadra più “quadrata” e tecnicamente più preparata, l’Ischia di Sasà Campilongo con due guizzi si aggiudica la partita contro una Puteolana che certo non ha demeritato. Ma sul match peserà e non poco l’erronea espulsione di Conte, che ammonito al 20′ della ripresa viene allontanata del campo dal direttore di gara come se fosse già ammonito, nonostante Puteolana, assistenti ed anche gli ospiti facessero notare al direttore di gara che per Conte era solo la prima ammonizione.

IL PRIMO TEMPO – La gara inizia con una buono notizia: Letizia ce la fa e si riprende la sua maglia numero 10 al fianco di Borrelli e Napolitano. A centrocampo ci sono Loiacono, Conte e Scognamiglio mentre in difesa confermatissimi D’Ascia, Luongo, Signore ed Imbriaco. La gara ha ritmi lenti la Puteolana regge bene il campo e tiene bene il possesso di palla. Campilongo ha ben istruito i suoi sul terreno di gioco così gli isolani non cercano il fraseggio ma lanci lunghi ad aprire sugli esterni. La partita è equilibrata e non si vede la differenza in classifica ma un episodio sblocca la gara. Da un’azione d’angolo l’Ischia infatti passa con Cascone che sfrutta un cross dal vertice sinistro dell’area e di testa insacca il vantaggio. I padroni di casa protestano per una sospetta posizione di partenza del 6 isolano, posizione di off side che sarebbe confermata anche dalle immagini in possesso delle televiosioni private presneti al Conte. La Puteolana riprende il suo gioco fatto di passaggi al limite dell’area senza mai trovare però la conclusione. Da segnalare le ammonizioni a Signore e Letizia, proprio sulla prima delle due ci sarà l’errore del direttore di gara.

Nonostante la delusione i granata vanno a salutare il pubblico

LA RIPRESA – Il secondo tempo ha lo stesso ritmo della prima frazione i granata provano a fare la gara ma gli ospiti sono perfetti e non concedono nulla. Al 20′ l’espulsione di Conte della quale abbiamo già copiosamente raccontato. La gara qui cambia i granata si innervosiscono e da un calcio d’angolo battuto male nasce il raddoppio dell’Ischia con Tito che fa il più classico dei contropiedi percorrendo 70 m di campo palla al piede e trafiggendo Ciccarelli.

RABBIA ED AMAREZZA – C’è poco da raccontare poi se non l’amarezza e la rabbia dei granata che si sentono impotenti davanti al gol del vantaggio nato forse da un fuorigioco e da una espulsione oltremodo balorda che condizionerà comunque anche la prossima gara. Intanto il risultato non verrà omologato grazie al ricorso certo che la società dio casa farà. Al di là dell’episodio dell’espulsione l’arbitraggio oggi è parso deficitario su molti aspetti aumentando e fomentando il malcontento dei granata che si sentono derubati della possibilità di giocarsi veramente la gara. Ora i granata proveranno a trasformare la delusione di oggi in rabbia positiva per il match di domenica contro il Pomigliano una trasferta che i granata non possono davvero sbagliare.

ANGELO GRECO