Loiacono, autore del gol granata (foto Roberta Altieri)

POZZUOLI – Secondo stop casalingo consecutivo e terzo stagionale per la Puteolana. A passare al Conte è il quotato Matera che si impone 1 – 2. La gara inizia subito con una sorpresa, tra i pali c’è Alcolino in luogo di Ciccarelli, forse “punito” da Sorrentino dopo la non irreprensibile gara contro il S. Antonio Abate; non è la prima volta che quest’anno il mister granata cambia l’estremo dopo una prova non esaltante. In attacco deLuso chi si attendeva Murolo, è Riccio il partner di Letizia.

UNO-DUE DEL MATERA – La scelta, dell’estremo classe 1993, però pare non ripagare Sorrentino, infatti dopo solo 10′ i materani vanno avanti con calcio di punizione di Cruciani sul quale l’ex Sibilla poteva fare di più, così come di più poteva sull’incursione di Ceccarelli che ha siglato il 2 – 0. Dopo il doppio vantaggio ospite i granata di casa si svegliano ed al 27′ trovano il gol con Loiacono che sfrutta ottimamente un cross di Lepre calciando di prima intenzione e dimezzando così le distanze. La gara della Puteolana inizia ora e i granta  sfiorano il pari con Letizia e Scognamiglio ma anche il Matera ha la sua occasione di raddoppiare nuovamente il vantaggio con un tiro da centro area controllato malissimo da Alcolino. Si va al riposo sull’1 – 2, ma con i granata ancora vivi

GRANATA AVANTI SENZA EFFETTO – La ripresa inizia senza cambi per entrambe le squadre. I primi 10′ i granata non riescono a sfondare e così Sorrentino mette dentro Murolo in luogo di Riccio, che per i primi 55′ minuto è parso poco incisivo. L’ingresso di Murolo, così come nella precedente gara con S. Antonio da più brio alla manovra granata ma le occasioni latitano, anzi è il Matera al 60′ a sfiorare in contropiede il terzo gol, ma questa volta Alcolino è super a chiudere la saracinesca, su Todino. La Puteolana lentamente cresce e trova azioni pericolose anche grazie all’ingresso di Perillo in luogo di Di Mase con la squadra che passa ad uno spregiudicato 3 – 4 – 3. Passano i minuti i granata non pungono ed il Matera gestisce senza grossi affanni. Solo nei minuti finali i granata sono pericolosi con Murolo che da centro area spreca calciando alta una ghiottissima occasione, con Lepre che prova un pallonetto e con Perillo che calcia male sul portiere in uscita. Finisce 1 – 2, con qualche rimpianto per i granata che hanno iniziato a giocare solo quando sono stati sotto di due reti.

TROPPO INGENUI – Matera è una squadra costruita per obiettivi più prestigiosi di quelli granata ma la Puteolana ha demeritato solo in esperienza e lucidità, un po’ il leit motiv delle ultime sconfitte granata. Ai granata non manca solo una punta di esperienza ma anche un metronomo di centrocampo che possa dettare i tempi. Sebbene i gol alla fine non mancano, si fa troppa fatica a concludere la mole di gioco, ci sono partite in cui si deve concretizzare quel poco che si crea.

ANGELO GRECO