Il solo Letizia non basta a sorreggere l'attacco granata

POZZUOLI – Dopo una serie di partitelle in famiglia la Puteolana 1902 decide di affrontare in settimana una “squadra vera”. Giovedì al Conte arriverà l’Arzanese (calcio di inizio alle 15:30) squadra che milita in seconda divisione. Probabile che mister Sorrentino voglia tenere alta la tensione in vista del match di domenica con il Fortis Trani, un match da vincere, principalmente per i tre punti ma anche per rilanciarsi moralmente dopo il pareggio interno con il Francavilla e l’opaca sconfitta esterna di Taranto. Il mister granata avrà così anche l’occasione di valutare bene le scelte, oltre ad Errico ci sarà nuovamente da sostituire il capitano Volpe, espulso in terra pugliese. Una partita vera per testare sul campo idee tattiche e schemi, senza avere brutte sorprese la domenica.

IL PROBLEMA GOL – Sorrentino dovrà ben valutare le scelte offensive, 6 gol in sette partite sono poca roba, Letizia è l’unica certezza in avanti poi c’è più di qualche dubbio, Napolitano ha girovagato in tutte le zone del campo (per necessità di formazione), Siciliano e Lepre sono più esterni da tridente che punte in grado di affiancare il bomber di Secondigliano. Restano Riccio e Murolo, il primo un centravanti classico di soli 20 anni in cerca di affermazione, il secondo ancor più giovane, talento da vendere ma viene da un lungo stop e non ha esperienza e forse non ha i centimetri ed i kilogrammi. Probabile che nella testa del condottiero granata c’era altro, magari un tridente Maiorano – Riccio – Letizia, supportato da un centrocampo a tre Volpe – Scognamiglio – Napolitano. Maiorano ha lasciato la troupe granata senza mai essere convocato e le cose si sono complicate Un rompicapo quello che Sorrentino dovrà risolvere.

MOLTI TENTATIVI – Con il Francavilla ha provato la soluzione del centrocampo a tre e Perillo trequartista, a Taranto un 4 – 4 – 2 con due esterni molto offensivi dietro Letizia e Siciliano di punta, giovedì vedremo cosa ha in mente Sorrentino per risolvere il problema gol. Magari il problema di sterilità offensiva si risolverà solo a dicembre quando il presidente Di Marino potrebbe tornare sul mercato.

ANGELO GRECO