Paolo Sardo è carico in vista della prossima stagione

POZZUOLI – Dopo il colpo a sorpresa Coquin a Pozzuoli arriva un puteolano DOC, quel Paolo Sardo fratello del celebre Gennaro che milita in serie A con il Chievo. Sardo è il classico jolly di centrocampo ottimo per il 4 – 3 – 3 tanto caro a mister Ambrosino, in grado di ricoprire sia il ruolo di centrale puro che quelli di interno, sia destro che sinistro. Il centrocampista neo granata si presenta ai tifosi attraverso le pagine di Cronaca Flegrea.

PAOLO SARDO«Per me puteolano doc è un sogno giocare con la maglia granata è un sogno. Già lo scorso anno sono stato vicino ad indossare questa maglia, poi non se ne fece nulla. Quest’anno il primo contato l’ho avuto con Capuano e con il mister dopo ci siamo visti con il direttore Amata ed abbiamo trovato l’accordo. Dunque, Sardo e Coquin sono due puntelli importanti per la prossima stagione che, secondo gli auspici dei tifosi, si spera possa essere meno tribolata dell’ultima – I miei nuovi compagni li conosco da avversari  – prosegue il neo granata – e so che possiamo fare davvero bene quest’anno. Io posso dire che se se normalmente do il il 100% in campo il prossimo anno giocando finalmente a casa mia darà certamente il 110%!».

LETIZIA RESTA? – Intanto tiene sempre banco il “caso” Letizia: nulla di nuovo se non che il giocatore non si è ancora accordato con nessuno. Il calciatore non ha ancora sciolto le riserve sul proprio futuro: se arriverà la chiamata dalla Lega Pro saluterà i granata, diversamente invece il canone di valutazione per le offerte che arriverebbero dalla serie D. Ma a parità di ambizioni resterebbe a Pozzuoli ad occhi chiusi dicendosi pronto a rinunciare ad ingaggi faraonici per la categoria. Discorso diverso se lo chiamasse un squadra di vertice assoluto. Il calciatore è consapevole che ripetere i numeri fatti in granata con una squadra che vuole vincere il campionato rappresenterebbero il “fiore all’occhiello” della sua carriera. Ma intanto la piazza chiede una risposta celere dal proprio beniamino.

 

ANGELO GRECO