Corrado Sorrentino, tecnico della Puteolana

POZZUOLI – Le pause a volte arrivano al momento giusto per spezzare la tensione e  ricaricare le pile, ma quando il momento è difficile, come quello che sta attraversando la Puteolana 1902 la lontananza dal terreno di gioco può essere un pericoloso boomerang. L’ambiente ad oggi appare depresso e le dimissioni di Sorrentino, respinte dalla società, testimoniano il momentaccio dello spogliatoio granata.

L’ASPETTO TECNICO/TATTICO – Oggi Sorrentino ha da sistemare alcune cose sotto l’aspetto tecnico/tattico. Dietro, dopo alcune prestazioni di buon livello, Imbriaco ha palesato tutti i suoi limiti da centrale, regalando di fatto il 2 – 0 nella partita contro il Gladiator e non brillando sul gol vittoria dei Sammaritani. A centrocampo l’assenza di un uomo di qualità fa arretrare la squadra di almeno 20 metri. Il primo tempo di sabato scorso è esempio lampante di ciò. Per 45 minuti si è cercato Borrelli con palle lunghe, senza nemmeno dare il tempo a Conte e Scognamiglio di accorciare e provare ad inserirsi sulla “seconda palla”. Inutile poi rimarcare di come il centrocampo senza qualità renda innocuo l’attacco.

IL SECONDO TEMPO DI SABATO – Il cambio di marcia della seconda parte e della ripresa si sabato, non è solo figlio di un migliore atteggiamento mentale ma soprattutto è figlio delle possibilità date dall’ingresso di Napolitano. Il fantasista napoletano ha dato la possibilità ai compagni di reparto ed ai difensori di giocare palle a terra senza i soliti lanci lunghi e così la manovra ne ha giovato. L’atteggiamento tattico del primo tempo avrebbe messo in difficoltà i granata contro chiunque e non solo contro il più quotato Gladiator.

LE SOLUZIONI – ora sono tutte nelle mani del tecnico che ha ricevuto un importante attestato di stima da parte della società. La pausa può essere allora usata per trovare soluzioni tecnico/tattiche che aiutino la squadra ad esprimere un gioco più incisivo, cosa che nell’ultimo mese è senza dubbio mancata. Riccio è parso in palla sia a Nardò che nella ripresa di sabato e potrebbe essere una freccia in più nella faretra del mister. L’idea di Napolitano trequartista in zona centrale potrebbe essere una soluzione vincente poco sperimentata da Sorrentino quest’anno.

ANGELO GRECO