Raffaele Quartulli, autore del pareggio

VIRTUS PORTICI: Borriello 7,5, Mollo 6,5, Piatti 6, Molisso 5, Di Palma 5,5, Imperato 6, Infantozzi 6 (16’ st Punzo 6), Aruta 6 (39’ st Ranavolo sv), Petrazzuolo 7, Reale 6,5 (46’ st Pietropaolo sv), Acampora 7. A disposizione: Damiani, Punzi Raffaele, Punzo Giorgio, Sarnataro, Gargiulo. Allenatore: Punzo 6

RIONE TERRA: Cortese 5,5, De Felice 6,5, Atrio 7, Tizzano 7, Paesano 6,5; Fortuna 6,5 (47’ st Coppola sv), Mazzucchiello 6,5, Catapano 6,5; Conte 7 (41’ st De Simone sv), Ginestra 7, Quartulli 7,5 (40’ st Tortora sv). A disposizione: Muoio, De Iuliis, Rocco, Barone. All: Sanchez 7

ARBITRO: Isernia di Castellammare di Stabia 5

RETI: 27’ st Petrazzuolo; 35’ st Quartulli

NOTE: spettatori: 200 circa con larga rappresentanza ospite. Espulso al 47’ st Di Palma della Virtus Portici per doppia ammonizione. Ammoniti: Molisso, Imperato, Reale, Petrazzuolo della Virtus Portici, Quartulli per il Rione Terra. Minuti di recupero: uno nel primo tempo, quattro per la seconda frazione di gioco.

PORTICI– Il Rione Terra targato mister Sanchez è sulla strada giusta. Ottimo il pareggio al San Ciro di Portici, sotto tutti i punti di vista. Il Rione Terra c’è e sta crescendo domenica dopo domenica, forte di un mercato di dicembre silenzioso e fatto di interventi chirurgici tra difesa e centrocampo. La seconda partita in maglia Rione Terra del portiere Vincenzo Cortese è nuovamente importante, ma l’ex della Sibilla ha sul groppone la responsabilità del momentaneo vantaggio della Virtus Portici. Il numero uno sbaglia i tempi dell’uscita e Petrazzuolo con astuzia lo castiga. Ci penserà Quartulli a pareggiare i conti con un’incornata da bomber di razza. I compagni della difesa abbracciano Cortese a dimostrazione del granitico gruppo che strada facendo si è plasmato in casa Rione Terra ad origine e somiglianza dell’allenatore Luigi Sanchez,

L'allenatore del Rione Terra, Gigi Sanchez

uno special one delle “categorie”. Da sottolineare la buona cornice di pubblico, e la signorilità delle due società con la splendida accoglienza riservata dai locali agli uomini del dottore Sergio Di Bonito. Al pronti via il primo sussulto: Amedeo Conte è strattonato in area da Imperato ma il signore Isernia della sezione di Castellammare di Stabia lascia correre. Al 15esimo i padroni di casa sfiorano il gol con super Petrazzuolo che supera avversari in blocco ma, ostacolato dal recupero della coppia Atrio-Tizzano, manda a lato la sfera. La partita poi prosegue sotto il segno dell’equilibrio. Il Rione Terra è ben messo in campo e mostra la coralità del suo gioco, partendo costantemente ad impostare dalla difesa. Dall’altra parte la Virtus Portici si affida ai lanci lunghi ad imbeccare l’uomo squadra Raffaele Petrazzuolo, che segnerà poi il quindicesimo gol in campionato. La retroguardia puteolana è impeccabile, comunque. Tra i pali Cortese da sicurezza al reparto. Dall’altra parte non è da meno Borriello che compie due interventi miracolosi tra il 20esimo e il 30esimo togliendo la gioia del gol a Ginestra e a De Felice. Al 37esimo l’inspiegabile: Tizzano crossa al centro per Quartulli che in tap in realizza. Incredibilmente l’arbitro annulla la rete per fuorigioco. Nella ripresa l’equilibrio torna ad essere sovrano. Al 23esimo il rasoterra a botta sicura di Ginestra finisce di poco a lato e da l’illusione del gol. Serve un episodio per sbloccare il match tra due squadre che sicuramente diranno la loro sino alla fine dei giochi del girone B di Prima Categoria. Al 27esimo da una punizione molto dubbia nasce così il vantaggio della Virtus Portici. Cortese, ostacolato da Punzo e Petrazzuolo, sbaglia l’uscita. L’attaccante, in sospetta posizione di fuorigioco, e aiutandosi con il braccio, controlla il pallone e poi calcia a rete.Il Rione Terra reagisce immediatamente e al 35esimo trova il meritato pareggio. Perfetto il cross di Amedeo Conte, come è da “circoletto rosso” l’impatto del bomber volante Raffaele Quartulli che gonfia la rete per la sesta volta in campionato per poi correre ad abbracciare mister Sanchez. Il Rione Terra non si ferma, a questo punto, e cerca anche la vittoria. La Virtus Portici accusa il colpo e al 46esimo perde il capitano Peppe Di Palma per doppia ammonizione. Il signor Isernia (abile a gestire la gara ma sfortunato negli episodi determinanti) nella circostanza ferma l’azione in area di rigore del Portici, con Ginestra palla al piede, per mandare sotto la doccia il difensore vesuviano, ma poi sbaglia nel far riprendere il gioco con una palla contesa. La gara termina con un brivido per il Rione Terra. Al limite dell’area di rigore Petrazzuolo è bravo a conquistarsi una punizione (De Simone non commette fallo)che però non produce gli effetti sperati per gli uomini del direttore Peppe Sorrentino. Al triplice fischio strette di mano e complimenti reciproci, con mister Sanchez che poi porta la squadra a ringraziare i tifosi rioneterranei che hanno seguito in massa e con trasporto i “leoni di Pozzuoli”.
SABATO AL CONTE C’E’ L’AFRAGOLESE – Sabato alle ore 14.30, al Conte intanto arriva l’Afragolese del giemme Catanea, per l’ultima gara interna del girone d’andata. Contro un team assetato di punti salvezza dopo la rivoluzione di dicembre. Ad Arco Felice, tuttavia, il Rione Terra vorrà dimostrare, davanti al pubblico amico, d’essersi ripreso alla grande dopo la sberla rimediata dalla Rinascita Vico, nell’ultimo match del 2011.

CS