Uno striscione dei tifosi

Il Monte di Procida è una certezza. La società della famiglia Marasco è una di quelle del variegato “emisfero” del calcio in Campania, che vive uno stato di salute ottimale. Serietà, organizzazione e programmazione, sono dei paradigmi dalle parti dell’ex Torrione. Nell’ultima stagione agonistica, il Monte di  Procida ha sfiorato l’ingresso ai play off per la promozione aggiuntiva in serie D. L’obiettivo per la prossima stagione agonistica è di conquistare la post season, invece. Si va avanti sotto il segno della continuità. In panchina quindi è stato confermato il tecnico puteolano Salvio Ambrosino, una garanzia.

NONOSTANTE LE RICHIESTE IL MISTER RESTA – Ambrosino aveva tante richieste tra LegaPro e serie D, ma ha preferito la certezza del progetto serio gialloblù. L’allenatore-manager, supportato dal direttore generale Sossio Del Giudice, alias Cibacco, sta facendo un giro di orizzonti per essere pronto all’apertura ufficiale del calcio mercato di luglio. Ci saranno tante conferme, mentre è scontata la partenza dell’attaccante calabrese, ed  ex dell’Atletico Puteolana, Marco Aloe. Si punta così ad ingaggiare un attaccante di grido per la massima categoria dilettantistica in regione. L’ex Sibilla Grezio è tra gli obiettivi principe per rinforzare il Monte di Procida, sena dimenticare il sempreverde Marco Mazzeo, ex Fc Puteolana 1902. A centrocampo è da considerare scontato l’arrivo di Peppe Costagliola, bacolese doc, invece.

ANTONIO RUSSO
tonyrusso@cronacaflegrea.it