Il Rione Terra

POZZUOLI – Sfortuna. Basterebbe questa parola per descrivere la partita di oggi del Rione Terra. L’Ardor Qualiano, bravo ad approfittare di un errore in uscita di D’Isanto durante il primo tempo, conserva il gol dello 0-1 fino alla fine,  portando a casa l’intera posta a scapito di un ottimo Rione Terra.

PRIMO TEMPO –  Si parte sui binari dell’equilibrio. Mister Scamardella schiera i suoi con il classico 4-3-2-1 con Di Roberto e Ginestra pronti a pungere non trovando però gli spazi per colpire. Al 12’ la prima occasione: lunga rimessa laterale sull’out destro da parte di Di Roberto, il pallone arriva a Ginestra,  solo in area,  ma spara alto sopra la traversa. Due minuti  più tardi (al 14’) la partita si accende e fioccano i primi cartellini: Volpe per i biancazzurri e Rossi, numero 10 ospite, vengono ammoniti. Nonostante l’avvio in sordina, la squadra c’è e spinta dal suo mister prova più volte a marcare il tabellino: prima Di Roberto, fermato da una grande uscita del portiere ospite, poi  Ginestra,  con una bella punizione dai 25 m alta di poco sopra la traversa, falliscono l’appuntamento con la rete. Alla mezzora l’episodio che decide le sorti del match: uscita incerta di D’Isanto che rinvia il pallone sui piedi di Rossi, il quale, con un pregevole pallonetto dai 25 m, insacca mandando in estasi i suoi. I padroni di casa provano a reagire ma gli attacchi sono sterili. Si va così al riposo.

 

SECONDO TEMPO – L’Ardor Qualiano nei primi minuti, forte del vantaggio, prova a far male. Vacca, prima in acrobazia poi con un diagonale dal limite, fa venire i brividi alla difesa guidata da Esposito. Al 16’ gli ospiti rimangono in dieci per l’espulsione del numero 4 Cesario. Il padroni di casa, spinti dal suo caloroso pubblico (più di 120 persone accorse al “Conte”), ci crede ancora di più. Mister Scamardella è bravo subito a passare a tre in difesa, inserendo Riccio per De Felice. Dal 22’ parte l’assedio verso la porta difesa da Rossi.  I biancazzurri premono ma la resistenza  degli ospiti  è notevole. Al 23’altro cambio, dentro Nasti fuori uno spento Volpe.  Al 36’ Ginestra, su punizione, sfiora il pareggio. Di pochissimo la palla non entra nello specchio. Al 38’,  Riccio prova in piena area ma Russo è bravo a bloccare. Al 42’ il predominio casalingo viene interrotto da un contropiede dei biancorossi, questa volta è pronto D’Isanto a neutralizzare il tiro di IanniNi. Gli ultimi minuti più i 3 di recupero sono da cardiopalma: grande assist di un ottimo Riccio per Tafuto che però in area, incredibilmente, spreca con un destro di poco fuori. Al 48’ l’occasione finale per la formazione di casa. Punizione dal limite: Capitan Ginestra con un preciso tiro a giro batte il portiere ma la palla colpisce la parte sottostante della traversa  e balla sulla linea. Sulla ribattuta Nasti si avventa sulla sfera ma prima di colpire crolla a terra. Sembra rigore. L’arbitro fa proseguire tra le proteste di tifosi e panchina  e pochi istanti dopo,  con il triplice fischio, decreta la fine del match.

 

DOPO GARA –  Il Presidente Sergio Di Bonito vede il bicchiere mezzo pieno: «Oggi i ragazzi sono stati eccezionali, come gioco e come spirito. Abbiamo dominato. C’è mancata solo un po’ di fortuna. Il calcio è anche questo, fa parte del gioco perdere così.» Mister Scamardella, a caldo, non riesce nascondere l’amarezza: «Siamo stati sfortunati, perdere così fa male, persino il pareggio ci andava stretto. L’atteggiamento dei ragazzi è quello giusto ma per la prossima conta portare a casa i punti.»

TABELLINO

 

RIONE TERRA: D’Isanto, De Felice  (19’ st Riccio), Di Donna, Esposito, Di Fraia, Volpe (27’ st Nasti), Tafuto, Di Roberto, Cangiano, Di Bernardo, Ginestra. All. Scamardella

 
ARADOR QUALIANO: Russo , Lemma, Pierro, Cesario, Turco, Caiazza, Riccio (41’ st Aprea), Trovato, Iannini, Rossi (20’ st Barretta), Vacca. Allenatore: Fiorito
Arbitro: Foresta di Nola
Assistenti: Manna e Casillo di Nola
Rete: 30’ pt Rossi
NOTE: Al 16’ st è stato espulso Cesario per doppia ammonizione. Spettatori: 300 circa

ANTONIO CARNEVALE