Mister Scamardella sulla panchina del Conte

POZZUOLI – Dopo la bruciante ed immeritata sconfitta casalinga contro l’Ardor Qualiano, il Rione Terra non ci sta e vuole subito rialzarsi. Sabato alle ore 15.30, ancora una volta, la squadra del presidente Di Bonito giocherà lontano dalla terraferma, ad Ischia, ospiti del Barano Calcio. L’ottima prestazione, nonostante il risultato dell’ultima gara, ispira un cauto ottimismo.

PAROLA AL MISTER – Mister Crescenzo Scamardella, sbollita la rabbia del post-partita, fa il punto della situazione: «Perdere in quel modo è stato frustrante. Paradossalmente, senza subire tiri di una certa entità verso la nostra porta, abbiamo perso. Il calcio è anche questo. Sono più che soddisfatto del gioco espresso, anche l’atteggiamento è stato ottimo, ultrapositivo. Tuttavia dobbiamo migliorare sottoporta. In queste prime 2 partite di campionato abbiamo avuto 15-16 occasioni da gol e abbiamo capitalizzato solo 2 volte, dobbiamo essere più cinici».

CONTINUA L’ALLENATORE – «Senza fare alcuna polemica però mi preme dire che l’arbitraggio non è stato al top.  Nel finale c’è stato un rigore “netto” per noi non assegnato (atterrato Nasti prima di colpire il pallone sulla linea di porta, ndr). In serie A c’è stato un episodio simile ed è stato dato. Ma purtroppo anche questo fa parte del calcio e ci sta. La squadra è carica, ad Ischia vogliamo fare bene».

 

GLI AVVERSARI – Il Barano, allenato da Thomas Dinolfo, ex Sibilla Bacoli, ha iniziato in salita perdendo in malo modo le prime 2 partite. Davanti ai suoi tifosi, al “Don Luigi Di Iorio” (un “gioiellino” per la categoria, da pochi anni ristrutturato), è chiamato quindi all’imminente riscatto. Non sarà certo una passeggiata per capitan Ginestra e compagni ma credere nell’impresa si può, si deve.

ANTONIO CARNEVALE