Pareggio 1-1 del Quarto a Sant'Anastasia

SANT’ANASTASIA – Un gol di Sardo in pieno recupero, al 49′ del secondo tempo, durante il quarto dei 4 minuti concessi dall’arbitro, regala allo Stasia un pareggio insperato ed al Quarto l’amarezza per una vittoria sfumata all’ultimo secondo, ma il punto conquistato in quel di Sant’Anastasia dalla squadra di Amorosetti è comunque preziosissimo e serve a mantenere salda la vetta della classifica in vista del big match di sabato prossimo contro il Giugliano che, oggi, vincendo, potrebbe riagguantare la Nuova Quarto Calcio in testa alla graduatoria del girone A di Eccellenza.

 

LE SQUADRE IN CAMPO – Giornata di sole con temperature quasi estive al De Cicco di Sant’Anastasia dove si affrontano la prima e la quarta della classe nel big match della settima giornata di Eccellenza. Mister Amorosetti deve rinunciare all’ultimo minuto a tre titolari di prim’ordine: fuori ed in tribuna per problemi fisici oltre a Navarra e Palma (tenuti a riposo precauzionale) anche il difensore Pirozzi. Squadra dunque rinnovata quella che va in campo al De Cicco con Iengo al posto di Navarra in porta, Ucciero al posto di Pirozzi e Pirone al posto di Palma. Il modulo scelto da Felice Mollo, tecnico dei vesuviani è invece un 4-4-2 in cui Guadagnuolo e Carnicelli sono i terminali offensivi. Arbitro del match il signor Castorina di Acireale, un direttore di gara scelto dalla Can di Serie D che si rivelerà assoluto protagonista in negativo della partita.

 

IL MATCH – La partenza degli ospiti è veemente: al 2′ D’Auria si invola tutto solo verso la porta difesa da Ferrieri, Ayari strattona e atterra al limite il bomber azzurro: chiari gli estremi per sanzionare il fallo su chiara occasione da rete; sarebbe punizione ed espulsione di Ayari ma il signor Castorina non ravvisa alcun fallo lasciando proseguire. Al 7′ è l’assistente di destra del signor Castorina a penalizzare il Quarto: splendido lancio di D’Auria per Tucci che di sponda serve l’accorrente Pirone che insacca; gol annullato per un fuorigioco inesistente di Pirone che al momento dell’assist di Tucci era addirittura dietro il giocatore azzurro. Il Quarto è assoluto padrone del match: al 25′ un tiro dal limite di D’auria trova attento Ferrieri mentre 4′ dopo ancora il bomber azzurro prova il pallonetto dal limite ma la palla si spegne sulla traversa. Al 36′ l’azione più pericolosa di tutta la gara creata dai padroni di casa: Carnicelli scattato sul vilo del fuorigioco entra in area e con un diagonale super Iengo; strepitoso il salvataggio sulla linea di Santangelo che nega il gol ai padroni di casa. Al 41′ gli ospiti si portano meritatamente in vantaggio: D’Auria serve in area Tucci che anticipa il difensore e prova il tiro ma viene falciato dal D’Auria vesuviano; per l’arbitro stavolta è rigore e D’Auria insacca portando in vantaggio il Quarto che va così al riposo sull’1 a 0.

 

IL PAREGGIO – La ripresa è quasi tutta di marca vesuviana: gli uomini di Mollo sfoderano una prestazione tutto cuore ma il Quarto si difende bene ed in un paio di occasioni sfiorano in contropiede il gol del ko. Il signor Castorina prosegue nel suo show, inventando falli e fuorigioco inesistenti, penalizzando entrambe le squadre; nella ripresa è lo Stasia a recriminare per un presunto fallo di mano in area di Tucci e per un paio di azioni convulse non sanzionate. Al 47′ in pieno recupero ancora un episodio confuso con Castorina che ammonisce aprile inspiegabilmente, poi si corregge ammonendo Esposito, espellendolo per doppia ammonizione: ma il primo giallo era stato combinato al numero 3 dello Stasia e dunque evidente la confusione di cartellini; dopo un “teatrino” durato 3′ il direttore di gara ristabilisce l’equilibrio annullando il rosso ad Esposito. C’è il tempo per l’ultimo traversone: Di Sabato spizza al centro area per Sardo che approfitta di una scivolata di un difensore azzurro per colpire e trafiggere Iengo all’ultimo respiro. Finisce 1-1, due punti persi per la Nuova Quarto Calcio, un punto d’oro per lo Stasia ma nell’economia del campionato ma anche per gli azzurri flegrei che seppur fermando a 5 la striscia di vittorie consecutive, possono consolidare il primato e tenere a debita distanza (4 punti) proprio lo Stasia dai più accreditata come la squadra da battere del girone.