Il Rione Terra esce sconfitto dal match contro il Qualiano

QUALIANO – Perde di misura il Rione Terra. Sul neutro di Qualiano finisce 2-1 per il Mugnano City. Gara sfortunata per i puteolani che, dopo aver subito i 2 gol nei primi 45 minuti, creano tanto ma non riescono ad agguantare il pari. La cronaca: la partenza dei ragazzi di mister Perna è incoraggiante: al 10’, solita punizione di Ginestra che mette paura al portiere dei locali, Castigli. Al 15’ il Rione Terra ancora vicino al vantaggio: splendida azione corale ma Castigli si rifugia in corner su tiro di Nasti.

 

VANTAGGIO A SORPRESA – Una manciata di secondi e il Mugnano, a sorpresa, si porta sull’1 a 0: Colasanti, con un intervento molto dubbio, ruba palla a Stellato a centrocampo e sugli sviluppi dell’azione Pignatelli sblocca la gara. I flegrei, dopo il buon avvio, subiscono lo “schiaffo” e, nel giro di pochi minuti, concedono addirittura il bis ai padroni di casa: corre il 24’ minuto e Colesanti( uno dei più pericolosi, come indicato alla vigilia), con un destro potente e preciso, beffa Maione. Il primo tempo si chiude così.

 

NON BASTA IL FORCING FINALE – Nei secondi 45 minuti il Rione Terra cambia volto. Perna prova a mischiare le carte e inserendo Volpe per De Felice, e i risultati si vedono. Al 6’ Cangiano, in mischia, per poco non trova l’impatto col pallone del possibile 2 a 1. Al di là dell’occasione, capitan Ginestra e compagni sembrano rinvigoriti e la presenza sulla tre quarti avversaria è una costante. All’ 11’ Castigli, prima su Serio poi su Cangiano dice di no. Al 15’ il forcing ospite viene premiato. E’ una splendida punizione di Ginestra, dal limite, a dimezzare lo svantaggio. 2 a 1 e la speranza di acciuffare il pari diventa più concreta. Al 27’ mischia in area dei padroni di casa: la buona difesa del Mugnano fa muro su Ginestra e Riccio, gettato nella mischia al posto di Stellato. Ultimo sussulto di Nasti: cross verso l’area piccola ma l’ottimo Castigli intuisce. Nonostante la generosità e il cambio di mentalità della ripresa, i flegrei si arrendono, finendo per pagare a caro prezzo le 2 disattenzioni del primo tempo. Ma non c’è tempo per i rimpianti, tra 7 giorni c’è la Juve Pro Poggiomarino. L’imperativo sarà fare punti.

 

ANTONIO CARNEVALE