Sulle spalle di Riccio ora il peso dell'attacco granata nel finale di stagione

POZZUOLI – Nove finali per la Puteolana 1902 (mancano 8 giornate più il recupero con l’Ischia), da giocare senza calcoli ma un match alla volta come se non ci fosse domani. Foggia, Sant’Antonio, Matera, Campania e Brindisi lontani dal Conte, Potenza, Grottaglie e Bisceglie sul terreno amico (più il recupero con l’Ischia). Con 7 squadre in 6 punti è difficile fare calcoli, è complicato capire quale sarà la quota salvezza, certo è solo che se così termineranno le cose, con Trani e Potenza, il Grottaglie retrocederà senza play out (ha più di 10 punti di ritardo sulla sestultima) e quindi sarà lo scontro tra quartultima (Puteolana) e quintultima (CTL Campania) a decretare la quarta retrocessione. La parola d’ordine è quindi allungare sul Grottaglie e fare la corsa sul sestultimo posto.

LA RIVOLUZIONE – Per la Puteolana però il finale di campionato avrà anche una piccola rivoluzione dovuta alla sospensione di Ciccarelli e Borrelli (pare che difficilmente verranno reintegrati), come cambia la faccia dei granata? In porta senza Ciccarelli ci andrà al 100% Alcolino, che essendo un ’93 potrebbe far cambiare anche anche le scelte in difesa. Non è un mistero che Sorrentino abbia grande fiducia in Imbriaco, non è da escludere quindi, che che il tecnico granata possa scegliere la sua esperienza per affiancare Signore nel finale di stagione, anche se Luongo ha ben fatto fino ad ora. Borrelli era una freccia più nello sterile attacco granata, sebbene nelle ultime gare sia partito dalla panca a Francavilla e Trani ha messo a segno due gol importantissimi. Dalla panca oggi Sorrentino potrà cacciare solo Murolo, che quest’anno non ha convinto più tanto, andando in rete una sola volta nella sconfitta interna contro il Sant’Antonio. Tutto su Letizia – Riccio supportati da Napolitano, sperando che non ci siano infortuni e squalifica a rendere impossibile la vita al mister garanata. Un problema in più per Sorrentino che ora dovrà fare i conti con gli uomini contati in attacco, proprio il reparto che nelle ultime esibizioni sta dando più problemi ai granata.

ANGELO GRECO