CALCIO FLEGREO – La sosta natalizia è il momento giusto per analizzare in maniera minuziosa le statistiche di tutte le squadre flegree impegnate in tutti i campionati dalla serie D fino alla Prima Categoria.

PUTEOLANA 1902 – La Puteolana, impegnata nel girone H della Serie D, chiude il girone di andata con 21 punti in 17 gare appena sopra la zona play out. Nove gare giocate tra le mura amiche ed 8 in trasferta e come spesso capita per le squadre che lottano per non retrocedere la maggior parte è arrivata proprio in casa (14) con 4 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte. Mentre lontani dal Conte sono arrivati 7 punti figli delle “scorribande” a Battipaglia e Potenza e un pareggio a Grottaglie. Nel saldo dei gol fatti e subiti il computo è negativo, con 24 reti al passivo al cospetto dei 18 realizzati. Anche qui il confronto tra gare casalinghe ed esterne è chiaro. Tra le mura del Conte sono 11 le reti realizzate dai granata e solo 9 quelle subite, mentre fuori la situazione si ribalta con le segnature fatte che diventano solo 7 e le reti subite che aumentano a 15. Chiaro che a questo punto per arrivare ad una salvezza tranquilla bisogna invertire il senso di marcia lontano dal Conte, anche perchè nel 2013 la maggior parte degli scontri salvezza sarà proprio in trasferta. Altra nota dolente è la “Letizia dipendenza” in zona gol, con il numero “10” che ha siglato 10 delle 18 reti puteolane.

SIBILLA – Retrocessa lo scorso anno della D, la Sibilla Flegrea sogna di ritornare immediatamente nella categoria superiore. Attualmente gli azzurri di Bacoli sono quinti in classifica ma a soli 3 punti dalla vetta, quindi tutto è ancora possibile per gli uomini allenati da Nunziata. Venticinque punti all’attivo 17 dei quali ottenuti al Chiovato dove i bacolesi non hanno mai perso ed 8 ottenuti in trasferta. Ventiquattro le reti messe a segno e 17 subite ben raccontano l’equilibrio e la costanza espresse dagli uomini Nunziata, che dopo un leggero ridimensionamento nel mercato dicembrino proveranno a vendere carissima la pelle per tutti il ritorno e cullare così il sogno del ritorno in D.

La rete di Tucci ha messo in discesa la gara

NUOVA QUARTO – A Quarto c’è un nuovo progetto sociale e sportivo al Giarrusso, dopo che da inizio anno i riflettori di mezza Italia sono stati puntati sul Quarto che ha ben ha risposto sul campo. Un vero “panzer” quello guidato da Amorosetti che ha ottenuto ben 40 punti dei 45 disponibili, concedendo fuori casa solo un pareggio ed una sconfitta. In casa poi il rendimento di D’Auria e compagni è incredibile: 8 vittorie su 8 con ben 20 reti segnate e addirittura zero subite. In totale sono 35 le reti messe a segno dai quartesi e solo 7 quelle subite: di questo passo il Quarto brucerà record su record. Intanto sono già 6 i punti di vantaggio sulla seconda (la Frattese) ed al rientro dalla sosta natalizia il Quarto sarà atteso proprio dalla trasferta a Fratta: se vittoria sarà il campionato potrebbe già considerarsi concluso alla prima di ritorno.

MONTE DI PROCIDA – Dopo aver ceduto il proprio titolo sportivo al Forio, il Monte di Procida riparte dalla Promozione. Buono il campionato disputato fino ad oggi dai montesi che guidati dalle reti del bomber Marino si sono stabilizzati nelle zone tranquille della classifica. Ventidue punti quelli ottenuti dagli uomini di Marino (fratello del bomber in campo) che per ora tengono lontani i “cavallucci di mare” dalle zone calde della classifica. Come spesso capita in queste categorie la maggior parte di questi punti sono arrivati in casa (16) mentre lontano dal Marasco sono arrivate solo 2 vittorie. Se l’attacco è abbastanza profilico (24 reti), la difesa è il punto debole dei montesi che hanno subito 27 gol, peggio di loro solo Villaliterno e Qualianese. Se si riuscisse a trovare il giusto equilibrio nella fase difensiva allora ecco che la salvezza potrebbe essere davvero solo una formalità

PUTEOLANA 1909 – Anch’essa nel girone del Quarto e del Monte di Procida, la Puteolana 1909 è la squadra che gode di minore tranquillità: 15 i punti all’attivo per i granata che se il campionato finisse oggi si ritroverebbero a disputare i play out. Ad onor del vero va detto che dopo il terribile ciclo di un misero punto in 8 gare gli uomini ora allenati da Iumiento hanno ripreso la marcia ottenendo 7 punti nelle ultime 4 gare rimettendosi in marcia salvezza. Quello che più preoccupa per i granata sono i soli 15 gol messi a segno 6 dei quali vengono da penalty e uno da calcio dei punizione. Mentre la difesa pare reggere: 24 gol subiti in assoluto non sono pochi ma 6 sono arrivati in una sola gara. Occorre trovare lucidità offensiva per tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona bassa.

Il Rione Terra crede all'assalto alla promozione

RIONE TERRA – Passando in prima categoria, questo per gli azzurri allenati da Umberto Cuomo dovrebbe essere l’anno dell’assalto alla promozione. Solo 11 le gare disputate fino da oggi nella Prima Categoria ed il bilancio non può che essere quanto mai parziale. Il Rione Terra oggi è quarto in classifica con 22 punti, 13 dei quali ottenuti al Domenico Conte e 9 fuori casa. Se si tiene conto che le due sconfitte esterne sono arrivate nelle trasferte contro Boys Pianurese e Fontanelle, i 6 punti di distacco dalla vetta possono essere letti con poco pessimismo. Semmai i 5 punti lasciati al Conte contro squadre non insuperabili possono far recriminare gli azzurri. Bene in assoluto la fase difensiva del Rione Terra, che ha al passivo solo 14 reti (la metà della quali subite nelle trasferta con Fontanelle e Pianurese). In attacco si attende che il bomber Ginestra ritrovi il feeling con il gol che ha caratterizzato le ultime due stagioni, ma l’arrivo di Mazzucchiello e la scoperta del giovane talento Del Giudice potrebbero alla lunga colmare quello che è un piccolissimo gap in zona gol.

MONTERUSCELLO – Inserito nello stesso girone del Rione Terra il Monteruscello è impelagato in piena lotta salvezza: solo 9 punti all’attivo (10 sul campo i verdi sono penalizzati di 1 punto) mantengono i verdi nelle zone basse della classifica. Dei 10 punti conquistati ben 6 vengono da 2 vittorie in trasferta mentre solo 4 sono stati ottenuti al S. Artema. Ventinove gol subiti in 10 gare (devono recuperare un match) sono molti, mentre i 17 gol all’attivo fanno dell’attacco dei verdi il più prolifico delle ultime 7 squadre in classifica. Il campionato è lungo e il Monteruscello possiede tutte le carte in regola per centrare la salvezza.

ANGELO GRECO