Cesare Mautone, autore del primo gol del Monte di Procida

MONTE DI PROCIDA CAPPELLA – ASD SANITA’ 4 – 1

MONTE DI PROCIDA CAPPELLA: Del Giudice; Prisco, Massa, Greco (30’st Marfella), Cocciardo, Cuomo, Lubrano, Armeno, Mautone, Di Matteo (40’st Fenderico), Lauro (30’st Arenella). A disp. Matafora; Scotto, Ursomanno, Esposito. All Ambrosino.

ASD SANITA’: Martucci; Cocchio, Di Mauro, Palumbo, Savarese, Zamparelli, Mele, Costagliola (35’st Buonocore A.), Cerullo, Gioielli, Piscopo. A disp.: Buonocore L., Guasco, Menale, Rallo, Letizia, Spina. All. Tarantio.

ARBITRO: Rainone di Nola (Rea/Pandolfi)

MARCATORI: 7’pt Mautone, 5’st Lauro, 20’st Cuomo, 2’st Di Matteo (rig) (MDPC); 27’pt Gioielli (S).

NOTE: Spettatori 300 circa. Espulsi al 13’st Mautone (MDPC) per doppia ammonizione, al 21’st Savarese (S) per doppia ammonizione. Ammoniti: Lauro, Mautone, Palumbo, Savarese, Costagliola, Cerullo. Angoli: 5-1 per il Monte di Procida Cappella. Recuperi: 1’pt – 4’st.

 MONTE DI PROCIDA – Vince e convince il team di Mister Ambrosino, che nonostante le importanti assenze di Orefice e Carlino (entrambi resteranno fuori per almeno due mesi), riesce a dare le giuste geometrie alla sua squadra conquistando tre punti importanti con una squadra ostica e ben organizzata quale la Sanità. Avvio subito in discesa per i gialloblù, che dopo appena sette minuti di gioco passano in vantaggio con Mautone, abile a capitallizare un perfetto assist dalla sinistra di Di Matteo.. Dopo dieci minuti Lauro dal limite trova la girata a volo, ma il palo gli nega la gioia del raddoppio. Sul capovolgimento di fronte Cerullo alimenta il contropiede, servendo in prfondità Mele, ma Del Giudice non si fa sorprendere e in due tempi fa sua la sfera. La Sanità riesce a pareggiare i conti al minuto 27, quando Gioielli spedisce nel sette una punizione dal limite. 1-1. e tutto da rifare. Prima del riposo è ancora Mautone a cercare il raddoppio, ma stavolta l’assist di Armeno è leggermente lungo e la conclusione termina sul fondo.

LA RIPRESA –  ha lo stesso inizio della prima frazione. Cinque minuti e Monte di Procida Cappella in goal con Lauro. Al 13′ però i gialloblù perdono Mautone per doppia ammonizione restando in 10. Ma l’inferiorità numerica non sembra un peso per Lubrano e soci. Infatti al 20′ trovano addirittura il terzo goal con Cuomo che di testa manda l’assist di di DiMatteo alle spalle di Martucci. Cinque minuti più tardi capitan Di Matteo tenta di entrare nel tabellino dei marcatori, ma l’estremo difensore ospite riesce ad ipnotizzarlo e a respingere la sua conclusione ravvicinata. Ma l’appuntamento con il goal è solo rimandato. Al 27′ Greco viene irregolarmente atterrato in area da Savarese. Per Rainone di Nola non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Questa volta Di Matteo non perde la ghiotta occasione e firma il 4-1 finale. Un risultato che legittima la buona prova del Monte di Procida Cappella, che avanza in classifica portandosi a 11 punti.

SODDISFATTI al termine del match il Presidente Marasco e il tecnico Ambrosino. “Siamo soddisfatti di questa vittoria e della classifica attuale – dichiara patron Marasco -. Un ottimo risultato contro un avversario non di certo facile. Il risultato forse è un pò troppo largo, in campo le squadre hanno dato spazio al gioco e allo spettacolo”. Sorride anche mister Ambrosino: “Al di là del risultato sapevamo che l’avversario di oggi sarebbe stato un osso duro. Abbiamo fatto quattro goal e siamo stati bravi a capitalizzare al massimo quanto costruito, ma il passivo per i nostri avversari è forse troppo pesante seppur si è vista una leggera superiorità da parte nostra. Dobbiamo continuare su questa strada predicando sempre umiltà. E’ una vittoria che da fiducia all’ambiente e ci fa lavorare con serenità. Gli infortuni? Purtroppo sono il lato negativo del calcio. Orefice e Carlino erano due calciatori su cui puntavamo, ma il nostro è un gruppo sano e unito che non conosce titolari e panchinari. Remiamo tutti verso lo stesso risultato”.

PREMIO SORRISO E LEALTA’  – la targa premio è stata consegnata a Massa per il Monte di Procida e a Gioielli per l Sanità. A premiare Biagio Scotto d’Aniello, Presidente del Monte di Procida dal 1968 al 1982.

GIACOMO D’IPPOLITO
Ufficio Stampa ASD Monte di Procida Cappella