La rosa del Monte di Procida Cappella 2011-12

MONTE DI PROCIDA – ATLETICO NOLA  1-2

MONTE DI PROCIDA CAPPELLA: Del Giudice (17’st Matafora); Prisco, Massa, Greco, Cuomo, Carlino (25’st Marfella), Arenella (10’st Fenderico), Lubrano, Mautone, Di Matteo, Armeno. A disp. Scotto, Ursomanno, Copellino, Esposito. All. Ambrosino.

ATLETICO NOLA: Avino; Galasso, Martinelli, Palumbo, Lucignano, Velotti, Maione, Castiglione, Orecchio (19’st Franco), Casonaturale, Vacca (14’st Ugramin). Abbacuccio, Piccolo, Di Tella, Chiariello, Attanasio. All. Principe

ARBITRO: Cimmino di Sala Consilina

Marcatori: 10′ Casonaturale, 7’st Maione, 48’st MautoneNOTE: Spettatori 300 circa. Ammoniti:Massa, Cuomo, Prisco, Del Giudice (MDPC); Palumbo, Orecchio, Franco (AN). Espulso al 13’st Palumbo (AN) per doppia ammonizione. Espulso al 21’st Ursomanno dalla panchina per proteste.

Angoli: 12-2 per il Monte di Procida Cappella.
Recupero: 3’pt; 6’st
MONTE DI PROCIDA – Dopo sei risultati utili consecutivi, tra cui cinque vittorie e un pareggio, si ferma la corsa dei cavallucci gialloblù, che non riescono a superare l’ostacolo Atletico Nola, corsaro al Vezzuto – Marasco. Ha vinto il maggior agonismo degli avversari abili a capitalizzare le occasioni create e a difendere poi il doppio vantaggio fino al 96′.
In avvio il Monte di Procida non tradisce le attese e riesce ad imporre il proprio gioco, seppur dopo appena 10′ è costretta a rincorrere per il gol messo a segno da Casanaturale, che sfrutta al meglio la punizione dalla destra di Vacca.
Dopo pochi minuti ci prova Cuomo su punizione di Di Matteo, ma la daviazione termina di poco alta sulla traversa. Insistono i ragazzi di mister Ambrosino, e la 21′ Mautone tenta di riequilibrare le sorti dell’incontro, ma la sua deviazione dal limite viene ottimmamente deviata in corner da Avino. Portiere che si esalta ancora su Lubrano dieci minuti più tardi, ribattendo la doppia conclusione ravvicinata del difensore gialloblù con grande concentrazione. l’Atletico Nola cerca di prendere le misure e trova anch’essa la via della porta intorno alla mezz’ora con Orecchio prima e Palumbo poi, senza però particolare insidia per De Giudice.
LA RIPRESA   il Monte di Procida si scopre alla ricerca del pari, e il Nola ne approfitta con le ripartenze in contropiede. Infatti proprio con la difesa scoperta Palumbo lancia Maione nell’area difesa da Del Giudice e trafigge lo stesso numero uno montese con un secco diagonale. 2-0 e per il Monte di Procida la gara si fa tutta in salita. Ambrosino tenta la carta Fenderico, ma la svolta potrebbe arrivare al 13′ quando gli ospiti restano in 10 per la doppia ammonizione inflitta a Palumbo. Nulla cambia, perchè il Nola si difende con i denti fino alla fine, nonostanti i pericolosi assalti finali che hanno reso protagonista Marfella prima con un tiro dal limite e Mautone in pieno recupero, riuscendo a mettere a segno il goal della bandiera. Termina 2-1 quindi per il Nola, che continua la sua striscia positiva, mentre per il Monte di Procida c’è la possibilità di rifarsi già in settimana con il Torrecuso, nel recupero della 9′ giornata.
I COMMENTI
L’ALLENATORE –   “Non è stato il solito Monte di Procida – commenta a caldo mister Ambrosino –  Bisogna fare i complimenti al Nola che ha fatto la nostra parte, rendendosi aggressivi e concreti in ogni parte del campo. Non siamo riusciti a imporre i n nostri ritmi. Ma resto fiducioso per il prosieguo del campionato, in quanto il buon lavoro fatto finora continuerà a dare i suoi frutti”.
IL PRESIDENTE –  Non fa drammi nemmeno il Presidente Marasco: “Purtroppo la sconfitta ci sta tutta – commenta-. nel primo tempo meritavamo qualcosina in più, mentre nella ripresa non siamo riusciti ad essere superiori agli avversari. Continuiamo per la nostra strada, sperando di fare bene già mercoledì contro il Torrecuso”.
GIACOMO D’IPPOLITO