La festa del Chuka dopo la conquista del trofeo

POZZUOLI – Dopo la finale del “Campionato Amatori”, il campo Sant’Artema di Monterusciello ha ospitato anche l’ultimo atto della Coppa “Amicizia”, l’ormai storico torneo targato Uisp Zona Flegrea giunto alla sua 39esima edizione. Sul sintetico di Monterusciello il Chuka Arco Felice ha sfidato i campioni uscenti dell’Atletico Fedil.

 

IL MATCH – La gara decolla solo nella ripresa, quando l’Atletico prova a rendersi più offensivo, ma viene punito in contropiede. Finisce così 2 a 0 per il Chuka che ringrazia Luca Righetti autore di una doppietta.
Soddisfazione è stata espressa da Mario Zollo che guida il Chuka Arco Felice insieme al fidato collega Giuseppe Di Francia: «Ad inizio campionato siamo partiti con l’idea di vincere qualcosa, pur sapendo che sarebbe stato davvero difficile. Abbiamo cambiato moltissimi giocatori, ma alla fine siamo riusciti a trovare la giusta quadratura. La gara contro l’Atletico Fedil sapevamo che era difficile: prima della partita, per rispetto massimo degli avversari, ci siamo seduti a tavolino e abbiamo preparato l’incontro».

 

GRANDE FESTA – Come ogni finale Uisp oltre la gara c’è una festa. Il numeroso pubblico accorso ha partecipato all’evento dall’ingresso in campo delle squadre all’inno nazionale, fino al ricco post partita. Premiate non solo le finaliste, ma a tutte le squadre partecipanti è andato un meritato riconoscimento per il campionato svolto, in perfetto stile Uisp. Premi anche per il capocannoniere e per i migliori undici della stagione. Un ricordo anche per tutto lo staff che ha contribuito all’organizzazione.
Orgoglio si quanto fatto è Giuseppe Marciano, presidente della Lega Calcio Zona Flegrea: «Questa è la 39° edizione della Coppa della Amicizia, una competizione storica, a cui siamo molto legati e che ogni anno riesce a coinvolgere sempre più persone. Lo spirito che contraddistingue da sempre il nostro lavoro è quello di intervenire nel sociale, dando l’opportunità a tutti di praticare l’attività sportiva. Per raggiungere obiettivi così importanti ed ambiziosi, ovviamente, c’è bisogno di una grande lavoro di squadra, per questo ringrazio tutte quelle persone che lavorano nel mondo Uisp. Il nostro motto è quello di far vivere lo sport a tutti, facendo divertire le persone attraverso la pratica sportiva e contribuendo a migliorare la qualità della loro vita».