VARCATURO – I carabinieri della compagnia di Giugliano e dell’elinucleo di Pontecagnano durante un sorvolo del territorio per prevenire i reati ambientali hanno notato, nei pressi di via Madonna del Pantano, una colonna di fumo. L’origine era visibile in un rogo che era stato acceso in un terreno e vicino al fuoco si scorgeva una persona. Effettuata la manovra di atterraggio i carabinieri hanno quindi bloccato l’uomo che aveva appiccato il fuoco. Si tratta di Michele Galoppo, un 63enne di Villa Literno, arrestato in flagranza per combustione illecita di rifiuti. I militari hanno poi domato le fiamme con acqua e terra e, dalle ceneri, hanno potuto capire che il 63enne stava bruciando una grossa quantità di lana di pecora; sul terreno inoltre c’erano i resti di imballaggi di cartone e teli di plastica. Terminate la messa in sicurezza dell’area e le formalità dell’arresto, Galoppo è stato tradotto agli arresti domiciliari.