LICOLA – Controlli congiunti di carabinieri e Polizia Municipale stamattina a Licola Mare. I militari, diretti dal capitano De Lise, e gli Agenti della Polizia Municipale di Giugliano, coordinati dal vicecomandante Petraio, sono intervenuti in forze. Il bilancio dell’intervento della Municipale è di due ristoranti abusivi gestiti da immigrati senza regolare permesso di soggiorno chiusi. Sequestrati ed immediatamente distrutti numerosi alimenti in pessimo stato di conservazione detenuti in locali in condizioni igieniche inimmaginabili. Sequestrati i locali, contestate violazioni amministrative, urbanistiche, irrorate sanzioni per 9.500 euro per violazioni relative alla tracciabilità alimentare e sanitaria.

DENUNCE – Sequestrati anche alcuni edifici. Denunciati i gestori dei due ristoranti per le manomissioni del contatore elettrico. Denunciati i proprietari degli immobili per la violazione della Legge Bossi-Fini. «Licola Mare non è terra di nessuno. Non consentiremo che questa divenga una zona franca -commenta il Sindaco Antonio Poziello- Stiamo esercitando un controllo ed una pressione costanti. Denunciamo non solo chi commette reati, ma anche chi li consente. A cominciare da chi fitta gli immobili. Ringrazio l’Arma dei carabinieri e la Polizia di Stato per il grande impegno. Libereremo Licola Mare dall’economia illegale».