Stefano Scotto di Luzio

POZZUOLI – Per la Pallacanestro Pozzuoli del futuro il “deus ex machina” Fulvio Palumbo ha affidato le chiavi della sua amata navicella al pupillo che l’ha affiancato come assistente coach nelle ultime annate agonistiche, Stefano Scotto di Luzio. Sarà lui, giovane allenatore puteolano, a guidare la GMA per il prossimo anno. Ex assiste coach di Piero Bucchi, ai tempi della gloriosa e compianta Napoli basket Carpisa uomini, ha ottenuto la promozione sul campo. Per il bene della realtà puteolana, Fulvio Palumbo ha scelto Stefano che ben conosce l’ambiente e anche la massima serie del basket femminile. Le scelte tecniche saranno le sue, anche in sede di basket mercato, un compito importate per il quale il nuovo coach  ha le idee chiare.

PROGETTO LEGATO AL BUDGET – Non fa voli pindarici, il nuovo capo allenatore del Pozzuoli, unica realtà flegrea che milita in massima serie. «Opereremo in base al budget a nostra disposizione». Per adesso ha dei parametri economici più bassi rispetto alla scorsa stagione. Se qualche appassionato affiancherà Fulvio Palumbo, sostenendo la squadra con qualche sponsorizzazione importante, allora lo scenario cambierà in corso d’opera. Si punterà anche alla valorizzazione della “materia prima” fuoriuscita dal vivaio puteolano. Coach Scotto crede molto nella lunga Minervino, e nella guardia Linguaglossa.«Faremo l’impossibile per valorizzarle», all’interno di una squadra “pirata”. Il concetto della squadra-pirata piace a coach Scotto. Pozzuoli dovrà essere una mina vagante, capace di giocarsela con chiunque. Senza timori, rispettando tutti e mostrando gli “occhi della tigre”. «Sarà una squadra affamata», sottolinea coach Scotto, puteolano che vive Pozzuoli nel quotidiano. Un team che ritroverà il suo feudo. Pozzuoli tornerà a giocare infatti dove si allena, ovvero nella palestra Errico, della scuola media Giacinto Diano, in via Solfatara.

Kelly Mazzante

VIA MAZZANTE? – La nota dolente è la possibile perdita del capitano Kelly Mazzante, che diventerà italiana e sarà tentata dalla corte delle superpotenze dello Stivale ed ai top club europei. Nulla da fare per “big” Adams, che è destinata a giocare nel campionato turco, se accetterà la proposta dei suoi agenti di tornare a calcare i parquet europei. Scotto ha le idee chiare anche per la regia. «Punto forte sulla Ward». Vilipic smette: giocheranno altrove le delusioni Fazio e Zampella. Sono da verificare le posizioni dell’italoargentina Chesta e soprattutto di Milica Micovic.

OBIETTIVO SALVEZZA – Giocatrici di personalità, che farebbero comodo al progetto tecnico di coach Scotto. Si partirà, come si suol dire con i piedi per terra. «L’obiettivo è la salvezza», spiega coach Scotto, che sa bene che però l’appetito viene mangiando. Una squadra “pirata” è pronta a fare razzie, con un gioco basato sull’aggressività e sulla velocità. Per la sua prima volta da capo allenatore coach Scotto punta su determinazione, fame e voglia di stupire. In bocca al lupo, coach.

ANTONIO RUSSO