Alice Richter per lei come le altre il finale di stagione servirà per mettersi in mostra

POZZUOLI – Cagliari per il prosieguo dell’anno della GMA era snodo fondamentale, vincere avrebbe significato rimanere in corsa per l’ottavo posto finale e arrivare così per la prima volta ai tanto agognati play off. La sconfitta invece rende “particolare” il finale di campionato delle puteolane. Domenica le ragazze di Scotto sconteranno il secondo turno di riposo, poi andranno a Chieti, prima di ricevere Parma in casa. Anche un doppio successo potrebbe risultare inutile rispetto alla corsa corsa play off, occorrerebbe quindi una vittoria tra Schio in casa e Taranto in trasferta, mission quasi impossibile per le flegree che per il sesto anno consecutivo, con ogni probabilità, non raggiungeranno la post season che vale lo scudetto.

PROGRAMMARE IL FUTURO – Quale il senso di questo finale di campionato per le puteolane? Fermo restando che c’è un campionato da onorare, il finale di stagione può rappresentare un trampolino di lancio per le giovanissime puteolane. Nell’incertezza di cosa accadrà il prossimo anno per Giordano, Pavia, Richter, Baggioli, Minervino e Ferretti l’ultima parte di stagione servirà a dimostrare di meritare la massima serie. Discorso diverso invece per le tre straniere: la Morris ha dimostrato di essere una top player per il nostro campionato, la Maznichenko è una giovane di bellissime speranze che bene può far in Italia, mentre le Greene ha un potenziale atletico esplosivo da mettere in mostra per strappare un nuovo contratto. In questo scenario c’è da programmare il futuro della società con il patron Palumbo che è stato chiaro: senza una rete economica che collabori con lui, è difficile pensare ad un futuro del basket femminile a Pozzuoli. Lontani dagli obiettivi tecnici oggi si pensa al domani.

ANGELO GRECO