Villa Ferretti

Martedì 5 luglio alle ore 16.30 presso la “Casina Vanvitelliana” nel Parco del Fusaro sarà stipulato l’Accordo di Programma tra il Comune di Bacoli e il Consorzio Interuniversitario “Civiltà del Mediterraneo”. Aprirà i lavori, il sindaco Ermanno Schiano e alle ore 17 seguirà la presentazione della rivista “Civiltà del Mediterraneo”, un numero monografico su “Le Città del Mediterraneo” e sulle iniziative in cantiere per gli anni 2011-2011.

CHI INTERVERRA’-Il Prof. Fabrizio Lomonaco direttore del dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi “Federico II” e Presidente del Consorzio e il Prof. Fulvio Tessitore Presidente del Comitato tecnico-scientifico del Consorzio per la presentazione dei progetti di ricerca sulla storia del bacino del Mediterraneo.

L’ACCORDO–  Prevista per le ore 18 la stipula dell’Accordo di Programma per la realizzazione del progetto “Villa Ferretti: la Villa del mare… un cammino verso l’integrazione”. L’iniziativa ha come finalità principale l’organizzazione di percorsi didattici e formativi rivolti a un universo giovanile interessato a incontri e scambi culturali in un mondo sempre più in evoluzione. Villa Ferretti, splendida struttura che sorge in prossimità del Castello Aragonese, potrà diventare base logistica per studi e ricerche nell’ambito dell’Archeologia subacquea godendo innanzi tutto dello specchio d’acqua in prossimità della Villa che ricopre la città sommersa di Baia. Il progetto prevede la possibilità di adibire parte della struttura a Museo Civico dedicato alle attività marittime. Carattere importante dello strumento, l’intenzione di concretizzare iniziative volte all’integrazione di minori a rischio attraverso sport e attività legate al mare, quali la canoa polo e lo snorkeling. Sono previste ancora l’attivazione di misure incentrate su scambi culturali tra paesi che affacciano sul Mediterraneo e che vantano come Bacoli di un patrimonio artistico e archeologico.

In linea con la “Dichiarazione di Barcellona”, la strategia comune europea per la regione mediterranea, il progetto prevede l’allestimento di una sezione didattica con la collaborazione delle Università “Federico II” e “Partenope” di Napoli attraverso l’organizzazione di convegni e seminari saranno occasioni fondamentali per stimolare in dialogo interculturale e rafforzare allo stesso tempo il senso di appartenenza dei residenti stessi al proprio territorio valorizzato.

ROBERTA LUCCI

[email protected]