BACOLI – Vandali nella piazza intitolata alla memoria di Alcide De Gasperi a Bacoli. Imbrattati i muri e la pavimentazione con scritte. Lo scempio a pochi passi dal Tempio di Diana, sito archeologico noto anche come “Termale di Diana”. Della grossa cupola con punta ad ogiva ne resta la metà e rimane di là della ferrovia in proprietà privata e quindi al di fuori degli Scavi. In origine doveva essere un enorme sudatoio che raccoglieva i vapori caldi che scaturivano alla base della collina. Oggi, a pochi passi dal Tempio, si registrano raid vandalici e schiamazzi da parte di giovani comitive.

LA DENUNCIA – «Stanno distruggendo tutto per una vergogna senza fine. Già a giugno Aurora Flegrea, attraverso i rappresentanti Monica Carannante e Gennaro Di Meo, raccoglieva con una petizione popolare il malessere e lo schifo dei cittadini indignati. Abbiamo chiesto aggiornamenti agli uffici comunali dello stato delle videocamere perché gli episodi di imbrattamento del patrimonio comunale e il ripetersi di casi di abbandono di rifiuti su tutto il territorio comunale sono in continuo aumento», fa sapere in una nota l’associazione attiva sul territorio bacolese. Il sodalizio chiede l’attivazione della videosorveglianza per far fronte ai raid vandalici, ma anche come deterrente contro furti e rapine.