incontro baia 1BACOLI – E’ appeso a un filo il destino della nuova stazione di Baia, vero e proprio museo a cielo aperto, nonché snodo nevralgico del trasporto pubblico su ferro in una località a forte attrattiva turistica. Da diciassette anni cittadini e turisti attendono di vedere finalmente compiuto il ripristino della stazione di Baia, per il quale era stato annunciato un ambizioso progetto: la realizzazione di una struttura che mettesse in collegamento Baia con la tratta ferroviaria che da Torregaveta conduce a Montesanto e che, attraverso un percorso decisamente all’avanguardia potesse garantire ai pendolari comfort, sicurezza ed una “vista mare” da far invidia ad innumerevoli località turistico-balneari in tutta Italia, tra l’altro col vantaggio di essere facilmente raggiungibile.

interni stazione baia 3IL SOPRALLUOGO – Ieri mattina, giovedì 4 febbraio, si è svolto un sopralluogo presso la struttura alla presenza di tutti gli attori coinvolti al fine di verificare lo stato dei luoghi. I rappresentanti dell’impresa concessionaria dei lavori hanno dimostrato come il progetto di completamento e riqualificazione della stazione di Baia, con il recupero del vecchio tracciato della Ferrovia Cumana e la realizzazione di un piccolo parco urbano lineare che colleghi, con un percorso meccanizzato nel verde, la nuova stazione con il centro urbano, non sia rimasto solo su carta.
interni stazione baia 4IL PROGETTO – L’intervento sulla struttura già esistente, rimasta per anni incompleta e mai utilizzata,  prevede innanzitutto nuovi accessi alla stazione, che si sviluppano al di sotto della sede stradale, razionalizzando i percorsi ai binari, con scale mobili ed ascensori. In tutti gli spazi della stazione saranno poi inseriti elementi legati alla realtà circostante: reperti archeologici, immagini, mappe e proiezioni che introducono il viaggiatore al luogo.

CANTIERI BLOCCATI – I lavori sono completati all’80 per cento ma il cantiere è bloccato dal 2012 a causa di un forte contenzioso in corso tra il Commissario Straordinario di Governo e la A.T.I. Costruire Spa / I.C.G.2 Spa, la ditta concessionaria dei lavori. Insomma, una vera e propria opera-rivoluzione che attende solo la risoluzione delle controversie tra le parti.

incontro baiaPARLA IL SINDACO – «Questa stazione è bellissima, sarà la stazione turistica per eccellenza con i reperti archeologici in bella mostra – ha dichiarato il sindaco Josi Gerardo Della Ragione – ed è di straordinaria e strategica importanza per il nostro turismo visto il collegamento diretto con il Parco Archeologico, il Castello, il Parco Sommerso ed il Porto». «La settimana prossima avremo un nuovo incontro in Regione Campania e d’ora in avanti andremo fino in fondo per risolvere e raggiungere il nostro obiettivo, quello di riconsegnare alla cittadinanza la stazione di Baia», conclude il Primo Cittadino. All’incontro, fortemente voluto dall’ Amministrazione comunale, intenzionata a fare chiarezza sulla vicenda, e dall’Eav, l’ente a cui compete il trasporto pubblico locale e quindi la linea ferroviaria della Cumana, erano presenti, oltre al sindaco Della Ragione, l’Ente Autonomo Volturno, con il presidente Umberto De Gregorio, la Regione Campania con il Direttore Generale per la Mobilità, Antonio Marchiello, il Commissario Governativo Straordinario Corrado Catenacci, i rappresentanti dell’impresa incaricata, il Soprintendente Pierfrancesco Talamo, il vicesindaco Marco Di Meo, l’Assessore ai Lavori pubblici ed alla Mobilità Marianna Illiano, i consiglieri comunali Ercole Mirabella e Mauro Cucco nonché il capo-area del settore lavori pubblici del Comune di Bacoli, l’architetto Gennaro Ciunfrini.