Uno dei tre ordigni ritrovati ieri

BACOLI –   Fatti brillare questa mattina i tre ordigni bellici ritrovati ieri sulla spiaggia del Fusaro. I pezzi di artiglieria pesante risalenti alla Seconda Guerra Mondiale sono stati infatti raccolti e poi fatti  dagli artificieri e dagli uomini dell’esercito italiano a poca distanza dal luogo del ritrovamento, sull’arenile fusarese. Sul posto anche i Carabinieri della stazione di Bacoli che da ieri mattina hanno ininterrottamente tenuto sotto controllo l’area. Dopo aver messo in sicurezza la zona i tre pezzi di artiglieria pesante sono stati rimossi e successivamente fatti brillare sulla spiaggia.

IL RITROVAMENTO –  A rinvenirli nella mattinata di ieri era stato un operaio della ditta DMD impegnato su un escavatore che durante le operazioni di scavo notava nella benna del mezzo i tre ordigni. A quel punto l’area interessata allo scavo, che sorge in una proprietà privata nel Parco Quarantennale, veniva evacuato e i lavori sospesi. Fino a questa mattina, quando poco dopo le 12 sono giunti gli artificieri che per la seconda volta in poco più di un mese hanno provveduto alla distruzione degli ordigni. Ora il timore, dopo il ritrovamento di una bomba a mano e dei tre proiettili di cannone, è che la sabbia possa ridare alla luce altri resti della Seconda Guerra Mondiale.

GDG