L'abitazione da demolire

BACOLI –  Ruspe in azione a Bacoli per abbattere un manufatto abusivo in via Miseno. L’esecuzione del procedimento di R.E.S.A. (Registro Esecuzione Sentenze Abbattimenti) ha avuto inizio questa mattina, quando gli occupanti dell’abitazione sono stati fatti uscire dalla propria abitazione. Sul posto dalle prime ore del mattino c’erano gli agenti di polizia del commissariato di Pozzuoli per assicurare l’ordine pubblico, gli agenti del corpo di polizia municipale di Bacoli e i vigili del fuoco. All’esterno dell’abitazione una cinquantina di persone tra conoscenti e familiari della 76enne nei confronti della quale è stata disposta la demolizione dell’opera abusiva. Sul posto, insieme ai funzionari dei servizi sociali del comune di Bacoli anche il sindaco Ermanno Schiano.

LE PAROLE DEL SINDACO –  All’anziana che viveva nell’abitazione insieme alla figlia e alla nipote, l’ente ha messo a disposizione un alloggio all’interno di un residence. «Sarei disposto anche a dimettermi insieme a tutto il consiglio comunale pur di evitare drammi sociali di questo genere. Come sindaco vivo in prima persona quanto accade in città e sento sulla mia pelle i problemi dei cittadini. E vedere persone costrette a lasciare le proprie abitazioni per un abbattimento per me rappresenta una forte ferita al cuore ». Queste le parole del sindaco di Bacoli Ermanno Schiano davanti all’abbattimento della struttura.

LA CONDANNA –  Il primo cittadino a più riprese ha condannato fermamente il reato di abusivismo prendendo comunque atto della problematica sociale e dei problemi di ordine pubblico connessi agli abbattimenti. «Mi appello ai miei cittadini e al loro buonsenso affinché, come già detto dal primo giorno del mio insediamento, non costruiscano in maniera abusiva. Bisogna entrare in un’ottica di legalità e sapere che  prima o poi la legge punisce chi commette reati». Il comune di Bacoli per scongiurare situazioni di disagio psico-sociale conseguenziali agli abbattimenti degli immobili abusivi e all’allontanamento degli occupanti, intende attivare una maggiore attenzione per arginare il fenomeno dell’abusivismo edilizio a monte della problematica in sinergia con tutti gli organi deputati alla vigilanza e al controllo del territorio.

ENZO LUCCI
[email protected]