L'Impianto Selex del Fusaro a Bacoli

BACOLI -Sono in sciopero da questa mattina i  lavoratori della Selex del Fusaro a Bacoli, alla base della protesta la contrarietà al piano esuberi previsto da Finmeccanica, redatto lo scorso 5 aprile. Sono ben 2500 gli esuberi previsti dal piano della proprietà dell’azienda, esuberi da ripartirsi su 22 unità produttive in tutta Italia, licenziamenti che possono mettere a rischio anche l’esistenza di intere unità industriali, come ad esempio quella del Fusaro. Il piano che prevede licenziamenti, mobilità e cassa integrazione è fortemente osteggiato da lavoratori e sindacati che oggi hanno incrociato le braccia.

NESSUNA RIPERCUSSIONE SULLA CITTA’ – La protesta dei lavoratori dell’impianto di Bacoli si sta svolgendo nella maniera più pacifica possibile. Nessun picchetto fuori l’azienda, nessun blocco stradale nulla al di fuori dei cancelli della Selex. Tutti i lavoratori oggi si sono astenuti delle proprie mansioni e si sono ritrovati nel cortile dell’azienda.

ANGELO GRECO