BACOLI – I dipendenti del Comune di Bacoli annunciano lo stato di agitazione. I lavoratori si riuniranno in assemblea il prossimo venerdì, a partire dalle 10,30 nello spazzale antistante il Municipio di via Lungolago. I rappresentanti sindacali hanno già richiesto al Prefetto di Napoli l’incontro per il cosiddetto “procedimento di conciliazione”, «atto a scongiurare – scrivono nella missiva – un eventuale, ma a questo punto e col persistere delle condizioni attuali, inevitabile sciopero generale».

L’ACCUSA – La componente Cisl, Cgil, Uil e Diccap contesta all’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Gianni Picone il «perdurante blocco della contrattazione per la ripartizione del fondo a seguito della mancata costituzione dello stesso da parte dell’Ente». «Uno stato di cose che sta comportando effetti disastrosi sui servizi e sull’intero personale», concludono. E così, qualora la riunione tra i soggetti interessati non dovesse portare agli esiti sperati dal sindacato, la protesta spingerà i dipendenti allo sciopero.