BACOLI – Trecento metri di cima e 49 nasse: è il bilancio della giornata dedicata al controllo e alla pulizia dell’Area Marina Protetta di Baia organizzata dall’ufficio LocaMare di Baia. In campo il Nucleo subacqueo della Capitaneria di Porto di Napoli e il personale della Guardia Costeria di Baia guidato dal Comandante Antonio Visone. Dopo diverse ore di lavoro, sono state recuperate e poi sequestrate le nasse che continuavano a creare seri danni alla fauna marina, anche in zona A. Il materiale è stato poi issato a bordo e messo nei locali degli uffici della Capitaneria di Porto di Baia per lo smaltimento.