BACOLI –Con la seduta consiliare di venerdì “saltata” per mancanza del numero legale, è stata scritta probabilmente la parola fine dell’esperienza da sindaco di Giovanni Picone.

IL DISSESTO FINANZIARIO – All’ordine del giorno c’era la proposta di dichiarazione di dissesto, all’indomani della mancata approvazione del Piano Traffico che avrebbe portato nelle casse comunali nuova linfa (circa 700mila euro) per evitare il crac di via Lungo Lago attraverso il piano di riequilibrio. Se ne riparlerà lunedì prossimo alle 19, quando il consiglio tenterà di riunirsi nuovamente. Ma lunedì è anche l’ultimo giorno utile per il ritiro delle dimissioni da parte del primo cittadino, e pare che lo stesso Picone non abbia alcuna intenzione di tornare sui propri passi.

COMMISSARIO ALLE PORTE – Tra le ipotesi, a questo punto, l’arrivo di un commissario prefettizio a cui toccherà mettere mano  alla procedura di dissesto. Dunque, le prossime 48 ore potrebbero essere le ultime di una consiliatura nata appena dieci mesi fa, quando la coalizione che sosteneva l’attuale sindaco dimissionario riuscì a battere al ballottaggio la squadra di Josi Della Ragione per una manciata di voti.