BACOLI – Preoccupano le condizioni delle tre foci del Lago Fusaro, in buona parte ostruite e stracolme di rifiuti d’ogni genere. Un’offesa al regno del mito greco e romano ma soprattutto una ferita profonda alla natura di questi incantevoli luoghi. A denunciare attraverso il social network di Facebook lo stato di degrado in cui versano i canali è Salvatore Cammarota, bacolese figlio e amante di questa terra. Attraverso un dossier fotografico mostra la realtà nuda e cruda di un’area devastata e deturpata dalla mano umana. L’inciviltà dei più e l’assenza di manutenzione ordinaria e straordinaria stanno via via cancellando ogni traccia di quel che era ieri il paesaggio nostrano.FOCI OSTRUITE DAI RIFIUTI – Da mesi, oramai, detriti, carrozzini, sacchetti d’immondizia, materiale di risulta, latte di vernice vuote, plastica, polistirolo, copertoni, ferri vecchi e arrugginiti fanno da barriera al bacino lacustre, impedendo l’osmosi con il mare. In particolare, la foce romana, la più antica risulta completamente ostruita, tale da non permettere il ricambio delle acque con il mare compromettendo così lo stato di salubrità del bacino lacustre. Da anni, oramai, cittadini ed associazioni pungolano gli organi competenti alla manutenzione e salvaguardia del patrimonio storico-paesaggistico di cui sono indiscussi eredi, ma ad oggi la situazione non fa che peggiorare di giorno in giorno.