Il consigliere Adele Schiavo

BACOLI – Era nell’aria e ora arriva l’ufficialità: Adele Schiavo, l’unico quota rosa di minoranza, è stata esclusa dal gruppo consiliare del Partito Democratico. Alla base  di questa decisione gli ormai noti contrasti interni tra il resto del gruppo ( 5 componenti) e il consigliere Schiavo che più volte aveva dimostrato, sia pubblicamente che privatamente, il suo dissenso alla linea partitica e politica seguita dal resto del Pd consiliare. Negli ultimi mesi c’era stato un tentativo di riavvicinamento tra le due parti ma che, evidentemente, non ha trovato continuità dopo le quindici votazioni contro ad alcuni emendamenti   presentati dal Partito Democratico su alcune mozioni nell’ultimo consiglio comunale.

FUORI DAL PARTITO –  Il continuo appoggio alla linea politica del consigliere indipendente Della Ragione ha peggiorato un rapporto nato già burrascoso con la “vecchia guardia” del gruppo bacolese  che l’avrebbe, secondo quanto affermato in una recente intervista dalla stessa Schiavo, boicottata ed isolata. “Dal momento della mia elezione ho avuto vita durissima ad amalgamarmi nel gruppo  – si legge dal profilo Facebook della Schiavo – e se non ho preso una decisione drastica è solo per rispetto dei miei elettori e cittadini. Accetto comunque la loro decisione con molta serenità. Continuerò a svolgere il mio mandato mi auguro nel migliore dei modi anteponendo sempre il bene per la mia città”. Il consigliere Schiavo, comunque, non dovrebbe lasciare il Partito Democratico.

ENZO LUCCI
[email protected]