BACOLI – Allarme per l’inquinamento nel lago Miseno, i Verdi chiedono l’intervento dell’Arpac e l’attivazione di un sistema di videosorveglianza. «La situazione del lago Miseno di Bacoli sta diventando davvero insostenibile ed è necessario un intervento immediato per verificare il livello di inquinamento esistente per poi avviare azioni tese alla tutela e alla valorizzazione di quell’area che può e deve essere sfruttata meglio e di certo non può essere lasciata nelle condizioni in cui è».

LA DENUNCIA – A lanciare l’allarme i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il responsabile del Sole che ride di Bacoli, Antonio Ilardo, denunciando, con foto e video, l’inquinamento presente nel lago bacolese. «Ho chiesto al commissario dell’Arpac, Pietro Vasaturo, di predisporre controlli straordinari per verificare se e quale livello di inquinamento ci sia in quelle acque che, a vista, sembrano inquinate -ha aggiunto Borrelli per il quale- qualora fosse accertato l’inquinamento sarebbe necessario un intervento immediato per ripulire e poi, però, bisogna creare le condizioni per evitare ulteriori sversamenti illegali, magari con un sistema di videosorveglianza, perché dalle foto e dal video appare chiaro che il lago Miseno purtroppo è usata da tanti come una sorta di discarica».