POZZUOLI – Nonostante il divieto di mettere piede nella città flegrea, si aggirava nell’area antistante gli imbarchi invitando gli automobilisti a parcheggiare. Tra le auto, però, anche una pattuglia del commissariato di piazza Italo Balbo. Per il 39enne A.D.A., arcinoto abusivo della sosta, è scattata immediatamente la denuncia.

CONTINUE VIOLAZIONI – L’uomo, residente a Marano, aveva già ricevuto dal Questore di Napoli il divieto di ritorno a Pozzuoli per due anni. Eppure, per ben due volte – a giugno e a luglio scorsi – il parcheggiatore abusivo era stato pizzicato dagli agenti. Ora è arrivato un altro provvedimento, quello che ancora una volta gli vieta di tornare in città, insieme alla denuncia per aver non aver rispettato il divieto di ritorno. A mettere gli agenti sulle tracce dell’uomo una segnalazione attraverso l’app YouPol.

LA TENTATA ESTORSIONE – Nel 2011 venne anche arrestato, sempre dai poliziotti di Pozzuoli, per tentata estorsione. A due giovani che avevano appena parcheggiato l’auto sulle strisce blu, con tanto di tagliando esposto sul cruscotto. A.D.A. gli si avvicinò intimando ai due di parcheggiare altrove. All’arrivo degli agenti tentò invano la fuga tra i vicoletti della zona del porto, venendo bloccato e portato in commissariato.