POZZUOLI – Dopo ammiccamenti e corteggiamenti ora è ufficiale: Figliolia, Monaco e Maione si “sposano”. Le nozze, dopo una “promessa di matrimonio” arrivata molti mesi fa, sono durate in tutto 48 ore. La prima cerimonia è avvenuta sabato scorso, con la partecipazione del sindaco all’inaugurazione del comitato elettorale di “Uniti per Pozzuoli” che ha sancito ufficialmente l’ingresso di Monaco in coalizione; la seconda ieri sera, che ha chiuso il cerchio attorno alla coalizione che sosterrà Vincenzo Figliolia alle elezioni comunali dell’11 giugno. Saranno 10 le liste a suo sostegno, tra cui Democrazia e Libertà che fa capo al consigliere di opposizione Salvatore Maione.

L’INCONTRO – La fumata bianca è arrivata durante la riunione convocata per la sera del 1 maggio alle ore 20 presso la sala Giunta del comune di Pozzuoli. In tutto circa una quindicina di invitati al tavolo di coalizione organizzato da Figliolia e dal Pd. Insieme al primo cittadino erano presenti: Tommaso Pollice e Vincenzo Bifulco per il Centro Democratico; Luigi Zeno, Antonio Tufano e Mariano Amirante per il Partito Democratico; Teresa Stellato e Antonio Bonaiuto per Campania Libera; Michelangelo Luongo e Angelo Lucignano per “Idea Pozzuoli”; Salvatore Maione per “Democrazia e Libertà”; Filippo Monaco per “Uniti per Pozzuoli”; Paolo Tozzi per i Verdi e Procolo Artiaco.

HABEMUS COALIZIONE – La riunione, terminata intorno alla mezzanotte, ha portato alla sottoscrizione di un documento di coalizione da parte dei rappresentanti dei 4 partiti e delle 6 liste civiche a sostegno di Vincenzo Figliolia che si è rivolto ai presenti dicendo: «Se sono intervenute queste nuove forze è solo perché è stato riconosciuto il lavoro fatto da noi in questi 5 anni di amministrazione».