Un tratto di Via Napoli

Da:
umberto

Messaggio:

Mi spiace che la giovane imprenditrice si sia in qualche modo arrabbiata sulla inefficienza delle forze del ordini ,e sulla
discutibile ordinanza del sindaco. Io credo e ne sono fermamente convinto che se non ci siano regole non ce nessun aordinanza che tenga.,ma soprattutto la civiltà dei giovani che sempre piu come orde barbariche hanno il diritto di patroneggiare in via napoli. Il malcustume che da decenni attanaglia Pozzuoli non certamente lo si puo attribbuire alle forze del ordine o al sindaco, purtroppo e malaeducazione che regna sovrana ,il compartamento dei ragazzi fuori
dalle riche organizzati come bande ,io e la mia famiglia abbiamo smesso di andare per la solita passeggiata a via napoli, vista la ressa dei fine settimane e la pericolosità per i bambini. Alla giovane imprenditrice va il mio plauso per aver investito in una attività su via Napoli ,mi permetto solo di dirti che se non ci sono sinergie da entrambe le parti la soluzione del problema e molto lontano .Investiamo in educazione ,partendo dalle scuole educando i ragazzi al rispetto del altro ,alle famiglie ,perche facciano la loro parte , alle istituzioni di investire risorse attea migliorare questa
situazione.Le mele marcie ci sono in ogni cesto ,individuare la mela marcia e toglierla questa e la soluzione. Una proposta provocatoria perche non chiudere via napoli al traffico ,resta comunque che cosi facendo forse si torna a rivivere questo meraviglioso lungo mare.

Cordiali Saluti
Umberto mercurio