L'uomo è riuscito a scavalcare la rete di protezione della base radar

LICOLA“Sono pronto a morire” nel giorno dell’Anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle sono state le parole pronunciate da un uomo armato di coltello che ieri ha fatto irruzione nella base militare di Licola. L’allarme è scattato alla base militare del 22esemo gruppo radar dell’aeronautica militare di Licola. Quando un cittadino ganese di 26 anni, Emmanuel Kwame, ha scavalcato il muro di recinzione della base alto oltre 2 metri e protetto da filo spinato. L’uomo, senza fissa dimora e con precedenti per furto, è stato trovato in possesso di un coltello, un telefono cellulare e un accendino. Il 26enne, è stato immediatamente arrestato dalle forze dell’ordine presenti nella base e poi interrogato dai Carabinieri giunti sul posto.

IL GESTO DI UNO SCONSIDERATO – Pare che l’uomo non sia vicina a nessun gruppo estremista. A quanto trapelato pare che il cittadino ganese durante gli interrogatori non abbia mai fatto riferimento all’11 settembre e che il gesto non sia quindi legato al triste anniversario. L’unica cosa che ha detto agli inquirenti è stato “sono pronto a morire”. Un gesto di uno sconsiderato quindi nulla più. Kwame sarà processato per direttissima nella prossime ore.

ANGELO GRECO
[email protected]